Press "Enter" to skip to content

Anche le coccinelle nel loro piccolo... Organi sessuali ed by Menno Schilthuizen

By Menno Schilthuizen

Show description

Read or Download Anche le coccinelle nel loro piccolo... Organi sessuali ed evoluzione PDF

Similar italian_1 books

Learn Italian: A Guide To Learning The Basics of A New Language

Why you have to research Italian Italian would possibly not rank one of the most sensible 10 most generally spoken languages on the planet, partially since it is the authentic language of just a couple of sovereign states. still, it is still hugely renowned as a moment language, even between local English audio system. If you’ve constantly puzzled why Italian should be realized as a moment language, a few of the purposes may shock you.

Additional resources for Anche le coccinelle nel loro piccolo... Organi sessuali ed evoluzione

Example text

Le femmine che trovano queste sorpresine, se hanno voglia, dispongono la propria apertura genitale sopra i palloncini, si accovacciano leggermente e li assorbono. 5 Un altro errore piuttosto diffuso è pensare che, almeno in natura, sesso e riproduzione siano sinonimi. Be’, non è così. Abbiamo appena visto che i batteri «fanno sesso» (cioè mescolano DNA estraneo con il proprio), ma così facendo non si riproducono. D’altra parte ci sono moltissimi organismi che si riproducono senza ricorrere al sesso.

Le femmine si servono delle braccia per costruire una conchiglia dal guscio sottilissimo, di consistenza cartacea e di aspetto davvero molto simile a quello dei gusci delle ammoniti, un gruppo estinto di molluschi. 23 Prima di deporre le uova, però, la femmina deve accoppiarsi con un maschio. Come è facile intuire, le abitudini copulatorie degli argonauti sono poco ortodosse, perfino tra i cefalopodi. Il maschio di argonauta, in proporzione, ha un ectocotile molto grande a cui attacca le proprie spermatofore; e questo, come abbiamo visto, non è strano per un cefalopode.

Anzi, il pene ce l’hanno ma non lo usano. Mi spiego meglio. La maggior parte dei calamari che si mangiano nei ristoranti appartiene a una specie in cui il maschio è provvisto di un pene molto corto, talmente corto che non riesce a spuntare fuori dall’apertura del mantello, posta proprio sotto il «collo» dell’animale. Allora come fa il maschio per consegnare alla femmina le spermatofore con tanta precisione, ad esempio sul margine che circonda la bocca della partner? Per farlo si serve in genere di una delle sue otto braccia, che prende il nome di ectocotile, e ha una forma perfetta per maneggiare le spermatofore (spesso ha anche un incavo e speciali pliche, ed è in gran parte priva di ventose).

Download PDF sample

Rated 4.38 of 5 – based on 28 votes